Prima Squadra

<?php echo $notizia['titolo_it']; ?>

I numeri dopo Biella-Siena: l'analisi in 5 spunti

Dalla prova migliore dei rossoblù in stagione (“la più bella” per usare le parole espresse da coach Carrea nel post gara) tanti gli spunti positivi che meritano di essere ben evidenziati. Questa Biella non sarà la squadra più spettacolare della storia, anche solo quella recente per non scomodare record e grandi nomi, ma ha tanto cuore, testa, e grande desiderio. E importanti qualità singole, i cui numeri nella loro freddezza non sempre danno il giusto risalto, ma che fino ad oggi nel lavoro di gruppo, in partita, sono sempre risultate fondamentali. Dopo la vittoria di ieri, proviamo a ritrovarle in cinque statistiche.


DUECENTOSESSANTUNO - OTTO

È stata nelle parole estive la grande incognità della nuova Eurotrend: senza Mike Hall, Biella riuscirà a vincere le sfide a rimbalzo? Le prime sette giornate di campionato hanno detto “sì”, Biella ci riesce e ci riesce con grande determinazione. Due i dati oggi sotto la lente di ingrandimento. Il primo: in totale, da Cagliari alla prova di ieri con Siena, i rossoblù hanno recuperato 261 rimbalzi totali, appena 9 in meno della scorsa stagione dopo sette turni di regular season. Ma il dato più importante è il secondo: oggi Biella coinvolge a rimbalzo in media 8 giocatori del roster a partita, uno in più dell'ultima Angelico. Di questi 8, almeno 3 in media chiudono a referto con 5 o più rimbalzi totali; un anno fa, con Hall miglior rimbalzista della categoria in doppia cifra in sei occasioni, la media era inferiore.


TRE

Non ce ne vogliano gli altri 8 rossoblù ieri a canestro, ma la tripla di Andrea Ambrosetti a 41'' dal game over merita un richiamo particolare. È di diritto, da oggi e per sempre, uno dei “canestri da ricordare”. Per l'Eurotrend ieri non ha spostato di una virgola gli equilibri (a 41'' dal quarantesimo il match era saldo sul +15, incanalato senza più chance per gli ospiti verso il decimo successo stagionale dei rossoblù), ma per Ambro vale tanto, vale tantissimo. In arrivo da Cameri, Andrea, 18 anni compiuti a luglio, volto del Settore Giovanile biellese e da agosto aggregato in prima squadra, ha collezionato un minuto in Serie A2 in 7 turni e, appunto, un canestro davanti alla Biella Family. È il primo, e il primo non si dimentica mai.


VENTIDUE (PUNTO) CINQUANTASETTE

È la media in fase realizzativa di capitan Ferguson, scritta in sette giornate di campionato. Ieri con Siena Jazz ha raggiunto per la seconda volta in stagione quota 24 punti a referto, lo stesso bottino raccolto sul campo di Rieti il 15 ottobre. Il suo massimo stagionale l'ha ottenuto a Cagliari: 26 punti in 33 minuti di gioco. Il 3 di coach Carrea conferma il suo ottimo stato di forma: nel girone Ovest, in regular season, l'anno scorso Jazz aveva chiuso con una media di 20.37 punti a tabellino a gara; la media di oggi, seppur solo dopo le sette tappe di fine estate e inizio autunno, si avvicina molto alle performance del suo primo capitolo in canotta Angelico, quando al termine della stagione chiuse con 22.87 punti a incontro.


SEDICI

I minuti in campo ieri collezionati da Luca Rattalino, secondo centro della nuova Eurotrend. Per la precisione 16 minuti e 9 secondi. È il minutaggio massimo di Ratta in stagione, proposto in campo ieri da coach Michele Carrea anche per gestire al meglio il “problema falli” di Amedeo Tessitori, a quota 2 dopo appena 3 minuti di gioco. La risposta di Luca è stata ampiamente sopra la sufficienza. Per lui, a conti fatti, un canestro da due (la colonna punti non deve però trarre in inganno), 4 rimbalzi e 1 assist. Ma i numeri, seppur positivi, non sempre dicono tutto... Il coach nello spazio commenti in sala stampa ha esternato così la sua soddisfazione al termine della serata: «Luca ha messo in campo tanti minuti con qualità e solidità».


CENTOCINQUE – CINQUANTANOVE

Sempre in doppia cifra quest'anno alla voce “punti conquistati”, compreso nei due match in Supercoppa, Amedeo Tessitori prosegue la sua ottima fase di crescita sotto l'ala di coach Michele Carrea. Elogiato da tutti, anche da coach Matteo Mecacci che nelle giovanili della Virtus Siena lo fece esordire, e mai del tutto convinto delle sue performance (ieri lo ha sottolineato in modo esplicito, mostrando ai giornalisti la sua insoddisfazione per gli appena 4 rimbalzi firmati contro la Mens Sana), Tex si porta dietro dopo sette giornate 105 punti e 59 rimbalzi. Il confronto con l'inizio della scorsa stagione mette in chiaro l'andamento positivo del suo percorso da professionista: un anno fa i punti erano 74 e i rimbalzi 41.