<?php echo $notizia['titolo_it']; ?>

La sala stampa di Edilnol Biella-Novipiù Casale

Coach Paolo Galbiati ha parlato in conferenza stampa al termine del match contro Novipiù Junior Latina, terminato 69-84 per gli ospiti. Queste le parole del tecnico rossoblù: “Faccio i complimenti a Casale che è una squadra veramente forte, ma più che a loro faccio i complimenti al nostro pubblico che è stato eccezionale, come era stato eccezionale all'andata, in trasferta. Mi dispiace aver fatto questa brutta partita per tutte le persone che sono venute, spero ritornino al palazzetto e di regalare loro altre gioie. La partita si è chiusa all'inizio del terzo quarto, quando ho chiesto alla squadra di rientrare dagli spogliatoi con più fiducia e voglia di giocare questa partita. Siamo partiti 10-0 per loro e questa cosa mi ha fatto molto arrabbiare. Abbiamo subito 29 punti nel terzo quarto e abbiamo compromesso il match. Anche oggi siamo stati troppo nervosi, è difficile adeguarsi ai vari metri che troviamo ogni settimana, ne abbiamo parlato e abbiamo cercato di capire. Le percentuali sono state davvero basse: loro hanno una fisicità per cui si fa fatica ad entrare in area e se tiriamo da fuori così male, facciamo fatica. La ricetta è una sola: dobbiamo chiuderci in palestra a lavorare sui meccanismi e tornare ad avere la fiducia che abbiamo avuto quando abbiamo costruito quella che è la nostra attuale posizione in classifica”.

In conferenza è intervenuto anche Eric Lombardi, queste le sue parole: “Casale ha fatto una partita solida, hanno giocato molto bene. Noi abbiamo avuto un calo di energie e di concentrazione, abbiamo giocato con troppo nervosismo, dovevamo controllare un po’ di più il match. Sapevamo sarebbe stata una partita difficile, perché loro sono completi e profondi. Resettiamo perché mercoledì avremo una trasferta importante e pensiamo a quella. 

Sappiamo che siamo secondi in classifica, sapevamo che fosse un derby per il primo posto, dobbiamo ritrovare fiducia nei nostri mezzi, nei tiri e nelle nostre potenzialità. Dobbiamo tornare ad essere compatti come siamo sempre stati. Siamo giovani e dobbiamo cercare di superare e gestire questo momento con tranquillità e duro lavoro”.