<?php echo $notizia['titolo_it']; ?>

UN'EDILNOL A CORRENTE ALTERNATA CEDE ALLA WITHU BERGAMO 77-67 | Pallacanestro Biella

Dopo un mese di pausa si torna a fare sul serio per Edilnol Pallacanestro Biella, impegnata alla Pala Agnelli contro la Withu Bergamo nella prima partita del Girone Nero. Assenza pesante per i rossoblù che non potranno contare su Deontae Hawkins, out per un problema al tendine.

PRIMO QUARTO - Biella inizia la gara con un quintetto composto da Berdini, Carroll, Miaschi, Pollone e Barbante. I primi punti della sfida sono di Da Campo, risponde Barbante (3-2). Si segna con il contagocce nei primi tre minuti della contesa: un canestro di Zugno porta Bergamo sul 5-2, Barbante apre il fuoco dal perimetro e ristabilisce la parità. Il primo vantaggio rossoblù arriva con il canestro di Carroll. Bergamo non si scompone e con i punti messi a referto da Jones si riporta avanti 14-11: timeout chiesto da coach Squarcina. Al rientro in campo Miaschi realizza il canestro del -1, ma Seck buca la retina per il nuovo +3 orobico (16-13). Una tripla di Da Campo porta la Withu al massimo vantaggio, Carroll risponde con la schiacciata del -4. Bergamo chiude il primo quarto in vantaggio 21-15.

SECONDO QUARTO - Si riparte con Laganà, Bertetti, Miaschi, Carroll e D’Almeida. Una tripla di Carroll sblocca il risultato, una schiacciata di Masciadri consente a Bergamo di mantenere l’inerzia (23-18). La squadra di casa allunga con Jones, ancora Masciadri e Easley toccando il +12 per l’invitabile timeout ospite (30-18). Barbante prova a riportare in scia i suoi con il canestro del -10, ma sale in cattedra Easley che regala alla Withu il massimo vantaggio (36-22). Miaschi segna dall’arco, ma Bergamo mantiene la doppia cifra di vantaggio. All’intervallo è 40-27 per la Withu Bergamo.

TERZO QUARTO - Dopo la pausa lunga l’Edilnol torna in campo con lo stesso starting five che ha iniziato il match. Barbante sblocca subito il risultato con un tiro dall’area e una tripla per il -8 (40-32). Inizio di quarto incandescente per Barbante che mantiene in linea di galleggiamento l’Edilnol, supportato da Laganà e Miaschi (46-40). Bergamo non consente a Biella di avvicinarsi ulteriormente e con Jones e Masciadri ricostruisce la doppia cifra di vantaggio: timeout Edilnol (50-40). Una tripla di Barbante apre un parziale estremamente importante dell’Edilnol che torna sotto di un solo possesso sul 53-50: timeout per coach Calvani. I canestri di Vecerina e Miaschi chiudono un terzo quarto che sorride all’Edilnol: 55-52 al Pala Agnelli.

ULTIMO QUARTO - Coach Squarcina si affida a Berdini, Bertetti, Carroll, D’Almeida e Barbante. Due liberi di Vecerina aprono il quarto, seguiti dal canestro di Carroll (57-54). La sfida prosegue con Bergamo che mantiene il vantaggio grazie ai punti di Zugno e Vecerina, ma l’Edilnol prova a restare a contatto con l’ex di turno Carroll. Bergamo però trova un Vecerina in formato 5 stelle e allunga sul +9 (71-62). L’Edilnol non ha la forza per costruire una nuova rimonta e dopo quaranta minuti il tabellone del Pala Agnelli dice 77-67 per la squadra di casa. 

Una Biella che è stata costretta ad inseguire fin dal primo quarto, non riuscendo a pareggiare l’intensità e l’energia degli orobici che nei momenti decisivi della sfida non hanno sbagliato. Incidono sull'esito finale i tiri liberi (28-4 per Bergamo) e i falli (24 dei rossoblù contro i 14 della Withu) e qualche fischio dubbio della terna arbitrale. Non bastano ai rossoblù i 21 punti di Simone Barbante. Si torna in campo mercoledì sera al Biella Forum contro la Stella Azzurra Roma nella seconda sfida di questo Girone Nero. Palla a due alle ore 20.30.

Withu Bergamo-Edilnol Pallacanestro Biella 77-67

Parziali: 21-15, 40-27, 55-52

Withu Bergamo: Zugno 7, Bedini 1, Jones 18, Pullazi 2, Easley 20, Seck 2, Masciadri 9, Piccinni ne, Vecerina 8, Aiello ne, Da Campo 10.  All.: Marco Calvani.

Edilnol Pallacanestro Biella: Berdini, Carroll 15, Pollone, Miaschi 15, Barbante 21, Laganà 11, Bertetti 3, Hawkins ne, D’Almeida 2, Vincini, Loro ne. All.: Iacopo Squarcina.

Terna arbitrale: Mascio, Catani, Morassutti.

Foto: Carolina Comi