<?php echo $notizia['titolo_it']; ?>

L'Edilnol chiude la sua stagione con un successo sulla Stella Azzurra: al Forum è 83-67 prima della festa

Doveva essere la festa per il nostro “scudetto”, ovvero la salvezza conquistata con una giornata di anticipo e senza passare per I play-out e festa è stata, anche se con il dispiacere per l'assenza forzata di Andrea Zanchi e Luca Infante, coach e capitano, trattenuti a casa dalla positività al Covid, e di quella in campo di Steven Davis, fermato dalla squalifica per l'espulsione rimediata contro l'Eurobasket.

C'erano però 2200 persone al Forum, fra le quali I 250 ragazzi di Biella Next e del minibasket, con tanti loro genitori ed amici, il coro della Genzianella che ha cantato l'inno nazionale accompagnato del pubblico e tutto il necessario per passare una bella serata con la certezza che, qualunque cosa accada, rivedremo sempre con grande piacere questi ragazzi, che abbiano ancora addosso i nostri colori o quelli di qualunque altra squadra. C'era poi anche una partita da giocare e, anche se non contava nulla per la classifica, partita vera è stata, anche con qualche spigolosità come è giusto che sia quando si tratta di sport e di agonismo. Partita vinta meritatamente dall'Edilnol 83-67 ma che lascia comunque un buon ricordo anche della giovanissima formazione della capitale, che aveva nelle proprie fila due nostri “ex” come Tommaso Raspino e Simone Barbante e che la salvezza ha ancora tutta l'intenzione di conquistarsela.

PRIMO QUARTO - Starting five inedito per Niccolai, che comincia con Bianchi, Pollone, Hasbrouck, Vincini e Morgillo, mentre coach D'Arcangeli schiera Visintin, Raspino, Innocenti, Barbante e Marcius. Il primo canestro arriva con una bruciante accelerazione del giovane play Visintin, poi Kenny Hasbrouck ne scrive 5 in fila dando vita ad un parziale di 14-3 per l'Edilnol. Time-out di Roma dopo 3 minuti e mezzo, gli ospiti cambiano 4 quinti della squadra ma incassano un altro 7-0 che incanala decisamente la partita sui binari giusti per i rossoblu. Dal 21-5 si passa al 26-10 con I punti di Pugliatti e Raspino annullati da un ispiratissimo Hasbrouck (già a quota 13) e da Pollone.Altro time-out Stella Azzurra, sfruttato decisamente meglio con un parziale di 0-5, per cui stavolta è Andrea Niccolai a fermare il cronometro ma non la rimonta ospite che continua fino al 26-21, con l'Edilnol sbloccata da Bertetti solo a fil di sirena.

SECONDO QUARTO - Subito a segno Morgillo, poi due liberi di Maglietti e tripla di Bertetti, ma al terzo tentativo nella stessa azione, ovvero dopo due rimbalzi offensivi. Si continua con qualche errore di troppo da entrambe le parti, ancora Bertetti da tre (38-27) prova a ridare spazio fra le due formazioni ma Maglietti annulla subito, poi si insiste un po' troppo nel tiro da fuori, almeno fino al 2+1 di Morgillo, seguito da due liberi di Visintin. Tripla anche di Porfilio, altri liberi di Visintin, tripla di Hasbrouck, esce Vincini con tre falli ed entra Luca Loro, il vantaggio Edilnol resta sempre attorno ai 10 punti. A 86 secondi dall'intervallo time-out di Niccolai sul 47-37, D'Ercole accorcia in sottomano, Marcius ci aggiunge due liberi e si chiude con soli 6 punti di vantaggio per l'Edilnol.

TERZO QUARTO - Si riparte al piccolo trotto, con le squadre che sembrano volersi sfidare al tiro dalla distanza senza trovarlo ed al contrario pasticciando molto, e così per vedere il primo canestro devono trascorrere due minuti e mezzo, ed è un “gancio” di Marcius. Altri 30 secondi e Biella perde palla, lanciando il contropiede di Raspino che segna il 47-45. Hasbrouck torna brevemente in panca (3 falli come Pollone, Vincini e Porfilio), Soviero si conquista 4 liberi e ne trasforma 3, terzo fallo anche per Morgillo per i liberi di Visintin, poi Pugliatti ferma Hasbrouck con un antisportivo che frutta un libero ed un canestro sull'extrapossesso dello stesso Kenny che ci aggiunge poi recupero ed assist a Porfilio per il 55-47. Time-out Stella Azzurra, ma Hasbrouck continua a viaggiare un palmo sopra tutti gli altri e riporta l'Edilnol al +10, Porfilio al +13 con una tripla ed ancora Hasbrouck al +15. Si rivedono Marcius con il suo gancio, ma anche Porfilio e Soviero, con chiusura sul 66-51 grazie a due liberi di Visintin.

ULTIMO QUARTO - Resta da completare l'opera, Innocenti accorcia con un libero Morgillo e Pollone rispondono con cinque punti. I tifosi della curva intonano cori per tutti I nostri “guerrieri”, che nel frattempo continuano a trovare il canestro con apparente facilità, e sinceramente chi scrive comincia a provare un po' di tristezza realizzando che questi saranno gli ultimi minuti di una stagione per certi versi irripetibile. Intanto in campo si continua a giocare ed a lottare, merito anche dei ragazzi di Roma che pure toccano il – 20 su una tripla di Bertetti ma non si arrendono, come è giusto che sia. Kenny Hasbrouck ne mette altri 5 poi viene richiamato in panca (a quota 28 punti) per la meritatissima standing ovation. Barbante distribuisce stoppate, Innocenti, Maglietti e Raspino rendono il distacco meno pesante e l'ultimo minuto di gioco è un solo coro ed un applauso di tutto il palazzetto per I ragazzi in rossoblu. E sono tutti, ma proprio tutti, stra-me-ri-ta-ti.

Edilnol Pallacanestro Biella-Stella Azzurra 83-67

Parziali: 28-21, 47-41, 66-51

Edilnol Pallacanestro Biella: Aimone, Soviero 5, Bertetti 11, Porfilio 14, Bianchi 3, Vincini 2, Pollone 9, Blair, Pietra, Loro, Morgillo 11, Hasbrouck 28. All. Niccolai.

Stella Azzurra Roma: Raspino 11, Pugliatti 3, Innocenti 7, Nikolic n.e., D'Ercole 5, Visintin 14, Maglietti 10, Barbante, Ndzie, Dambrauskas 8, Marcius 6, Chiumenti. All. D'Arcangeli.

Terna arbitrale: Radaelli, Bramante, Marzulli.

Foto: Laura Malvarosa (Pallacanestro Biella)