Breaking News

<?php echo $notizia['titolo_it']; ?>

Edicola Biella: lunedì 17 luglio

La nuova Eurotrend Biella prende forma. Sui giornali di oggi l'analisi del nuovo “sistema di gioco” dei rossoblù e le operazioni di mercato analizzate a tutto tondo dal gm Marco Sambugaro.


LA STAMPA
Pagina 51: Nuovi gli uomini, non le mire. Biella vuole ancora i playoff. Basket: l'Eurotrend si affida agli esterni che hanno tanti punti nelle mani. Il sommario: Squadra già completa a un mese dall'inizio del lavoro estivo. Stefano Zavagli scrive: A un mese esatto dall'inizio della preparazione, l'Eurotrend è già pronta. Ha cambiato profondamente pelle, si è ispirata all'ultima Tortona come concezione tecnica, ma a roster completato il nuovo «anno zero» fa un po' meno paura. (…) Biella deve slegarsi dallo stereotipo dell'asse guardia/ala grande made in Usa, come aveva sempre allestito dal dopo retrocessione, e pensare che l'idea di basket sia diversa: con l'arrivo del veterano Bowers, ex Manital Torino e lo scorso anno a Jesi, l'Eurotrend va a completare un pacchetto esterni non solo esperto ma che ha nelle mani 50 punti di media a partita. (…) l'altra novità sarà rappresentata dal fatto che Biella non avrà un play puro. Tutti saranno chiamati a contribuire a portare avanti la palla, per poi dare spazio alla fantasia. «I tre esterni - spiega Sambugaro -, non sono degli specialisti, ma sanno fare un po' tutto». La parola chiave della nuova stagione, che partirà come da tradizione con il ritiro a Bielmonte, è duttilità. Per Biella il primo test significativo sarà la Supercoppa in agenda il 22 e 23 settembre.


ECO DI BIELLA
Pagina 24: Bowers: «Tifosi spettacolari, non vedo l'ora». Il veterano 35enne è reduce da una stagione dalle medie super a Jesi in A2 Est. L'articolo è a firma di Gabriele Pinna: Tim Bowers è un certificato di garanzia vivente. Un giocatore, bravo e solido sul quale l'Eurotrend, dopo tante squadre, non ultima Jesi, ha voluto investire al meglio i propri soldi e le fondate speranze di ripetere una stagione nella parte nobile della classifica, con l'obiettivo di un'altra partecipazione ai playoff. Troppo alto il rischio di andare su nomi nuovi, magari rookie, sapendo di non avere molti margini operativi per cambiare in corsa. La piazza rossoblu si aspetta una squadra che rivaleggi con tutti e il quintetto costruito da Sambugaro, almeno sulla carta, è in grado di farlo. (…) Queste le prime parole in maglia rossoblu, la numero 15, di Tim Bowers: «Non vedo l'ora di conoscere i tifosi, lo staff e la città. Biella ha una grande tradizione per la pallacanestro e sono convinto che insieme potremmo toglierci nuove soddisfazioni. La tifoseria è spettacolare, l'ho vista da avversario, sono ecci- tato dall'idea di giocare al Biella Forum. Ci vediamo presto. Forza Biella!».


Su Eco di Biella parla il gm Marco Sambugaro. Sambugaro: «Bowers, perfetto per noi». «Tessitori sarà la chiave della nuova stagione». Il sommario: Il gm Eurotrend racconta il mercato: «Manca un play? Forse con qualche trasferta in meno...». L'intervista è a cura di Matteo Lusiani. «Abbiamo usato il budget che avevamo a disposizione», annuncia il gm Marco Sambugaro, reduce dal torneo 3vs3 Dkb di Fiorenzuola dArda, dove sabato sera ha fatto da giudice alla gara delle schiacciate. «Non vogliamo tirare la corda - prosegue -, perché bisogna sempre pensare anche alla salute e al futuro del club. Siamo soddisfatti di come abbiamo operato, abbiamo fatto tante scommesse e ora cercheremo di vincerle». (…) «È sempre difficile muoversi nel mercato degli italiani con una A2 da 32 squadre, ma quest'anno devo dire che ci sono molte più società in buona salute con la forza economica per offrire buoni contratti. Questa è una novità, ed è un buon segno per il movimento. Ma ovviamente rappresenta anche più concorrenza». (…) Su Ferguson playmaker: da Jazz dobbiamo aspettarci «innanzitutto il solito entusiasmo, la carica, la voglia di vincere e di mettersi in discussione che ha già dimostrato nei due anni qui. Non sarà un vero playmaker, abbiamo tre esterni che possono portare palla e si alterneranno in regia. È una delle scommesse di cui parlavo prima». Come è nata? «Strada facendo. Eravamo vicini a firmare Matteo Imbrò, quando è sfumato abbiamo deciso di puntare su questo assetto». (…) Tim Bowers è l'ultimo arrivo, a guardare le sue statistiche sembra che ringiovanisca anziché invecchiare. «È vero, l'anno scorso ha fatto una stagione eccezionale. Nonostante l'età è un giocatore che va a rimbalzo e difende su avversari più grossi, inoltre sa portare palla e giocare in pick and roll. Abbiamo pensato che ci servisse un giocatore che sapesse fare tante cose e lui è perfetto. E poi conosce già il campionato». Corrisponde perfettamente all'identikit che ha tracciato, prima che uscisse il suo nome. Dica la verità, stavate già pensando a lui? «Sì, pensiamo a lui fin da subito dopo la fine del campionato. Non sapevamo se Ferguson sarebbe rimasto, così abbiamo iniziato a ragionare su una squadra con lui e una senza. E ci siamo accorti che Bowers stava benissimo in entrambe». (…) Come valuta la prima stagione di Tessitori e cosa potrà dare il prossimo anno? «Tex è la chiave della stagione che inizierà. L'anno scorso ha fatto bene, ma può fare molto di più. Ha tutto per esplodere, ne sono convinto, ma noi dovremo essere bravi ad aiutarlo a stare sereno. Nella prima stagione Mike gli ha tolto molte responsabilità, sia offensive sia difensive grazie al suo talento a rimbalzo. Ora tocca a lui fare un passo in avanti».