<?php echo $notizia['titolo_it']; ?>

Con Iacopo Squarcina Pallacanestro Biella torna al passato

Nelle scorse ore Iacopo Squarcina è diventato ufficialmente il capo allenatore di Edilnol Pallacanestro Biella al posto di Paolo Galbiati, approdato in A1 sulla panchina della Vanoli Cremona. Un avvicendamento che fa riprendere una tradizione spesso vincente in casa rossoblù, quella della promozione dell'Assistant Coach. Quella di Squarcina è infatti la quarta volta in 26 anni nella quale l'assistente assume la carica di capo allenatore.

Andiamo con ordine: in principio fu Alessandro Ramagli, tecnico livornese arrivato a Biella nella stagione 2000/01 per entrare a far parte dello staff tecnico guidato da coach Marco Crespi in quella che sarà una grande cavalcata conclusa con una promozione in A1 da record. L'addio, direzione Spagna, di Crespi aprì le porte a Ramagli che divenne capo allenatore di Pallacanestro Biella per le prime cinque stagioni rossoblù nel massimo campionato italiano, con risultati incredibili che ancora oggi lo rendono un dei tecnici più amati dal pubblico biellese. Nei cinque anni alla guida della prima squadra, Ramagli è stato affiancato da un giovane tecnico, anch'esso livornese, destinato a lasciare un segno indelebile nella storia rossoblù: coach Luca Bechi. 

Sarà proprio Bechi a prendere in mano le redini rossoblù per il post-Ramagli, portando la squadra a toccare le vette di questo primi ventisei anni di storia, la semifinale scudetto del 2008/09 e la successiva prima partecipazione europea in Eurocup. Annate magiche ed emozioni uniche, condivise da Bechi con il suo staff tecnico che dal 2006 può contare sul teramano Massimo Cancellieri. Sarà proprio il 'Canc' il tecnico scelto dall'Angelico Biella per sostituire Bechi al termine della stagione 2009/10. Due salvezza conquistate con le unghie e con i denti, prima del terribile 2012/13, l'anno che segna la retrocessione in A2 di Biella, un ruolino che non impedisce a Cancellieri di entrare a far parte dello staff tecnico dell'Olimpia Milano, ruolo che occuperà per ben sei stagioni.

La ripartenza in A2 segna la fine, momentanea, della tradizione in panchina, con il gm Gabriele Fioretti che punta su coach Fabio Corbani per una ripartenza che sarà subito vincente. A distanza di dieci anni esatti Pallacanestro Biella torna al passato, con un occhio al futuro: Squarcina, 32 anni, si giocherà le sue carte con una squadra cambiata negli interpreti rispetto alla scorsa stagione, ma con la stessa idea cardine: puntando su giovani in rampa di lancio con l'obiettivo di far divertire il pubblico rossoblù. Proprio i tifosi hanno accolto con entusiasmo la nomina di Iacopo, un ragazzo che nella scorsa stagione si è fatto apprezzare per il suo lavoro, decisivo per l'andamento positivo in campionato. Dopo 10 anni Pallacanestro Biella rispolvera una tradizione che ha sempre pagato dividendi importanti: buon lavoro coach!

Foto: Laura Malvarosa (Pallacanestro Biella)